I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog
Da Gabriele Salari il 27/04/2011 23.03

Domani, 28 aprile, è la giornata nazionale delle vittime dell'amianto. Avevo scritto su Famiglia Cristiana del maxi-processo per le morti causate dall'esposizione all'amianto negli stabilimenti Fincantieri di Monfalcone. La sentenza potrebbe essere pronunciata tra un anno, nella primavera del 2012.
Così ha detto il procuratore capo di Gorizia, Caterina Ajello, che a un anno dalla prima udienza dibattimentale ha tracciato un bilancio del procedimento, che vede imputate 47 persone (dirigenti che si sono succeduti nell'amministrazione e direzione del cantiere) con l'accusa di omicidio colposo o lesi ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 26/04/2011 13.25

Oggi alle prime luci dell'alba attivisti di Greenpeace hanno trasformato il Circo Massimo in un memoriale a cielo aperto piantando duemila croci per ricordare le vittime della tragedia nucleare di Cernobyl nel giorno del 25° anniversario dell'esplosione del reattore.
"Queste croci ricordano simbolicamente le vittime di Cernobyl - dichiara Salvatore Barbera, responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace Italia -, ciò che abbiamo imparato dall'incidente è che l'energia nucleare è troppo pericolosa per avere un futuro. Una lezione che molti governi, compreso il nostro, si ostinano a ignorare".
Sul disastro di Chernobyl Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 22/04/2011 8.25

Oggi è la Giornata mondiale della Terra e siamo tutti chiamati a prendere maggiore coscienza di come trattiamo il nostro pianeta. Coincidenza per i cristiani è anche venerdì santo, momento di riflessione quindi. Perché non sfruttare la giornata, tutti, a prescindere dalle credenze religiose, per compiere un gesto per la Terra? Qualcosa che faccia nel piccolo la differenza per il pianeta e per gli altri uomini ed esseri viventi con cui condividiamo questa navicella. Largo alla fantasia, ma basterebbe non prendere l'auto per andare in ufficio, riusare il bicchiere quando andiamo a prendere l'acqua al dispenser oppure portarsi una tazza di ceramica da casa e rifiutare d'ora in poi i bicchieri di plastica. O ancora arricchire di verde il nostro terrazzo, chiamare l'installatore per mettere infis ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 19/04/2011 11.34

80 anni fa, il 10 aprile, moriva lo scrittore, poeta, pittore e filosofo libanese Kahlil Gibran, che tanto si impegnò con la sua opera per congiungere civiltà occidentale e orientale. Tema quanto mai attuale e così, anche per ricordare il cooperante italiano Vittorio (nella foto), caduto a Gaza, in Palestina, trascrivo qui un breve racconto che ho trovato nel libro “Il pianto e il sorriso” che lessi a 15 anni e regalai “a nonno Peppe per i suoi 80 anni” come testimonia la dedica che gli feci.
“Il mio cuore era stanco di me; mi disse addio e cercò rifugio nella Dimora della Felicità. E quando fu giunto in quel tempio, che lo spirito aveva benedetto, rimase stupito, poiché non vi vide nulla di quello che aveva immaginato. Non vide potere o ricchezza: e ancor meno ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 13/04/2011 10.41

Quando esattamente un mese fa, a Roma, a tavola con un industriale gli dicevo che  l’incidente nucleare di Fukushima era paragonabile a Chernobyl sembrava un'eresia ma ora anche il governo giapponese lo ammette. ”La storia dell’industria nucleare è macchiata di silenzi. Sia in Giappone che altrove, l’industria nucleare ha di nuovo cercato di minimizzare il rischio sulle popolazioni colpite da questa tragedia e solo dopo un mese accetta di riconoscere la gravità di quest’incidente: il massimo nella sua scala. – afferma Thomas Breuer, direttore della campagna Energia e Clima di Greenpeace Germania - Tuttavia, il peggio non è ancora passato e mentre si cerca di riportare il reattore sotto controllo potrebbero essere rilasciate ancora molte radiazioni”.
I dati sulla rad ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 08/04/2011 7.52

Dopodomani, 10 aprile, è il ventesimo anniversario del Moby Prince. Ricordate?
Un libro appena uscito di Edizioni Ambiente, "Il vento porta farfalle o neve", ce lo riporta alla memoria, insieme a tanti interrogativi.
La nave Moby Prince entrò in collisione con una petroliera ancorata a tre miglia dal porto di Livorno e prese fuoco. A bordo del traghetto morirono carbonizzate 140 persone tra passeggeri e membri dell'equipaggio: solo una riuscì a salvarsi. Dove erano i soccorsi? E cos'è accaduto quella notte, un tragico incidente provocato dalla nebbia o il criminale tentativo di coprire un fiorente traffico di armi e rifiuti tossici?
Proprio ieri sera a Foligno ho assistito a “Omissis” lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale prom ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 04/04/2011 12.05

Ho scritto e riscritto, cancellato ed emendato. Come accade di rado perché i post sul blog vengono di solito di getto. Ma come si fa a parlare del terremoto dell'Aquila 2 anni dopo e vedere quella città, così bella, distrutta come l'ho vista 2 anni fa con un po' di strade nuove come unico segno di novità e quelle tumefazioni che sono i nuovi agglomerati dove devono vivere gli aquilani?
La notte del terremoto ero in Umbria e lo avvertii solo perché il cane si mise ad abbaiare, ma mi addormentai quasi subito. Il giorno dopo però, dopo un rapido passaggio in ufficio a Roma (lavoravo all'ufficio stampa del Corpo forestale oltre che a Il ... Leggi tutto »

Tweet