I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog
Da Gabriele Salari il 28/07/2012 8.27

I terremoti non sono mai tutti uguali e così i danni che producono. In Emilia a volte non ti accorgi di quello che è successo se non guardi con attenzione. Molti sono però i capannoni agricoli e le case coloniche in parte crollate o puntellate ed è difficile trovare una chiesa rimasta in piedi. Tutte le chiese della Diocesi di Modena nella bassa sono state dichiarate inagibili e il panorama è desolante. Andando verso Rivara, frazione di San Felice sul Panaro, si incontra anche una piccola cappella che fa fatica a non crollare. Nel centro, invece, una chiesa che ha perso il tetto è stata coperta con un telo bianco e la si nota subito, sembra un paziente sul tavolo operatorio avvolto dal lenzuolo.
Ho fatto questo giro tra i paesi colpiti per part ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 24/07/2012 0.27

Nei giorni immediatamente dopo il terremoto in Emilia mi sono domandato cosa si potesse fare di concreto. Di terremoti ne ho visti più di uno. Quello del Friuli me l'hanno raccontato i miei nonni friulani, quello umbro l'ho vissuto in presa diretta e quello aquilano ci sono andato per lavoro già la notte successiva a quel 6 aprile e per più notti sono stato lì, in tenda.
Ho accettato quindi volentieri l'invito della casa editrice Franco Cosimo Panini ad andare nei paesi colpiti dal sisma, incontrare i ragazzi e parlare di ambiente e natura e giocare con loro.
Oggi prendo il treno per San Felice sul Panaro, dove un’azienda che nel mondo è sinonimo di Modena, ha avuto l'idea di creare “Il cantiere della fantasia”e di chiamare a raccolta gli autor ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 19/07/2012 13.47

Sono o non sono degli eroi i librai dei piccoli centri che cercano di animare un territorio, organizzare degli incontri, delle presentazioni per la cittadinanza o per i ragazzi delle scuole? Quanti ne conosco, librai o più spesso libraie. Ne ho incontrata una oggi di una edicola-cartoleria-libreria di una frazione di una cittadina umbra che dovrà chiudere perché le tenaglie del fisco stanno aggredendo anche loro. Si fa cassa e austerity alle spalle di chi ha meno. Essendo madre di due figli, Francesca (nome di fantasia) si assenta dal posto di lavoro la mattina presto per accompagnarli a scuola e quando la scuola finisce. Il padre la sostituisce, è una forma di collaborazione familiare, non è che percepisca uno stipendio. Al fisco però non interessa e in caso di co ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 15/07/2012 8.10

Sembra che la finanza sia un mondo lontano, a sè stante, non collegato all'ambiente e alle sorti del pianeta.
Come abbiamo visto anche alla Conferenza sulla Terra di Rio, la crisi che stiamo vivendo non ha un solo imputato e dobbiamo ripensare completamente il nostro modello si sviluppo. La crisi economica nasce però certamente anche dalle
banche e della loro politica di far indebitare stati, aziende e singoli in maniera “creativa”.
Ben venga allora allora “Criminal Bank”, edito da Laboratorio Gutemberg e scritto da Francesco Pratesi.
Francesco non ha seguito le orme paterne e all'ambientalismo ha preferito il mondo della finanza prima attraverso la tesoreria di una multinazionale e quindi nelle banche d’affari di Londra e Milano. Per questo l'ho ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 09/07/2012 12.50

«Il mondo ha fame di prodotti agricoli italiani. Dalla terra nascono le professioni del futuro, per chi ha iniziativa e voglia di fare». Parola di Oscar Farinetti, che con Eataly ha lanciato il business dell'eccellenza agroalimentare italiana nel mondo. In Italia è boom dei mestieri legati all'agricoltura: neocontadini che mollano la città e scelgono la terra per passione o per mestiere.
L'export agricolo che per la prima volta, nel 2011, ha superato i 30 miliardi di euro. 9.170 le nuove imprese agricole avviate nel primo trimestre 2012. L'occupazione in agricoltura fa segnare un +6%.
Ma la voglia di orti entra anche in città, nelle scuole, sui balconi. Un viaggio nell'unica impresa italiana che crea sviluppo lo ha fatto il settimanale “Vita” in edic ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 02/07/2012 11.43

La bioplastica si degrada davvero? La collega Letizia Palmisano racconta nel suo blog la visita che ha fatto in Umbria in due scuole: l’ITIS “Lorenzo Allievi” di  Terni e l’ I.S.S. Orfini a Foligno. Obiettivo? Saperne di più sugli esperimenti che stanno conducendo sulla biodegradabilità e la compostabilità degli shopper in commercio ed in particolare sulle buste certificate EN13432 e sulle buste biodegradabili additivate. Le bioplastiche sono uno dei temi forti di Letizia. Ha testato personalmente vari prodotti (piatti, bicchieri, posate, etc. etc.) e, come tutti, gli shopper ... Leggi tutto »

Tweet