I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog
Autore: Gabriele Salari Creato: 20/11/2008 22.45
Il mio blog

Da Gabriele Salari il 24/01/2014 7.45

In Italia il movimento conservazionista ha proposto per anni di istituire una moratoria alla caccia di tre anni per permettere alla fauna di riprendersi. Non è mai stata presa in considerazione. E ora è il governo albanese che ha proposto una moratoria di due anni per l'attività di caccia. "E' un provvedimento drastico, ma indispensabile, per poter fermare l'ulteriore perdita della fauna selvatica, già ad un suo minimo storico, a causa di una caccia non controllata", spiega il ministro dell'Ambiente Lefter Koka. Secondo i dati del ministero, il numero di almeno tre particolari specie locali, quali la lepre, la volpe e la quaglia di montagna, sarebbe paurosamente ridotte di oltre 50 per cento negli ultimi 10 anni. Un altro problema viene considerato il mancato rispetto dell ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 13/01/2014 18.01

Si usa dire che la televisione – che festeggia 60 anni – ha contribuito in maniera determinante all’unificazione linguistica del nostro Paese. Chissà che all’unificazione del gusto non porti invece il successo di Matteo Renzi, o meglio di uno dei suoi main sponsors, Oscar Farinetti e la sua catena Eataly. Qualche sera, ospite di amici romani, mi sono visto servire i ravioli alla borragine di Mondovì, provenienti dal citato negozio. Delicati e ottimi, ma certo prima Mondovì la conosceva fuori regione solo chi ha fatto il militare a Cuneo!
A Milano, invece, in zona Buonarroti, un ristorante che prima serviva solo piatti a base di mozzarella di un caseificio del Lazio mi ha proposto un ottimo coniglio di Carmagnola con salsa di peperoni della stessa cittadina piemont ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 07/01/2014 10.42

I centri commerciali che avanzano stanno erodendo in tutta Italia l'idea di città così come la conosciamo, con il centro storico come luogo identitario e di aggregazione. L'Aquila, a causa del terremoto, è l'esempio più lampante, ma ovunque succede la stessa cosa. A svuotare il centro ci pensano le amministrazioni locali che avendo perso anche l'Ici non sanno come fare cassa e vendono le grandi superfici dismesse alla grande distribuzione. Se chiudono le botteghe in centro però non è il singolo operatore che rimane senza lavoro, ma la città che muore. Dovrebbero capirlo gli illuminati amministratori di centrosinistra e centrodestra che si stanno rendendo complici di questo disastro.
Tre piccoli esempi tra Umbria e Marche. A Urbino sta nascendo una mega Coop a ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 09/12/2013 13.23

Due mesi per parlare della Garbatella sono pochi, considerando anche la ricchezza di questo quartiere che ha poco più di un secolo di storia (proprio come il mio quartiere di provenienza!).
Certo è che è una scoperta continua e affascina questo amalgama di passato e presente. Se vai alla pasticceria Gori trovi le foto storiche e altri esiti della ricerca del pasticcere, storico per diletto.
Se cammini nel cuore del quartiere ti imbatti nella Casetta rossa, probabilmente il centro sociale più chic della capitale che ben testimonia la trasformazione di questo quartiere rosso e popolare che si sta “gentrificando” come dicono quelli che parlano bene. La gentrification la vedi da questo centro sociale, da come vengono restaurate quelle poche case storiche che passan ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 22/11/2013 15.17

Caro nonno, non so se da lassù sei informato di quanto sta accadendo sulla Terra,
ai nostri ulivi. Un batterio sta provocando il disseccamento rapido degli ulivi in Puglia, nella zona di Gallipoli. Per il momento è confinato lì, ma secondo un esperto americano è a rischio tutta
l'Europa. Se pensi a quello che è successo per l'olmo con la grafiosi o recentemente con il punteruolo delle palme non c'è da stare tranquilli. Quel che è certo è che l'olivicoltura di cui tanto ti sei occupato non passa un bel momento. I finanziamenti europei che c'erano un tempo non
ci sono più e coltivare “i piantoni” è diventata un'attività in perdita. Non sai quanti uliveti in vendita in Umbria, anche il Comune di Spello ha me ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 15/11/2013 13.06

Ho pubblicato un post sul sito di Greenpeace. Ci sono voluti 11 anni per avere una sentenza. E sono stati tutti assolti per il disastro petrolifero della Prestige, uno dei peggiori nella storia dell’industria petrolifera. Solo il comandante greco ha avuto una condanna che non sconterà, di appena 9 mesi, per essersi rifiutato di rimorchiare la nave. I veri responsabili, come spesso accade per i delitti ambientali, rimangono impuniti.
Ricordo che andammo all’epoca  - noi di Greenpeace Italia, con l’aiuto dei colleghi spagnoli - sul luogo dell’incidente a documentare quello che era successo insieme ad alcuni giornalisti, dalla RAI ai maggiori periodici. Vedemmo gli scogli imbrattati di petrolio, i volontari che si passa ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 05/11/2013 16.24

Ecco il testo della lettera di Massimo Paolicelli, pacifista appena scomparso, che ho avuto la fortuna di conoscere lavorando ai Verdi 15 anni fa, in cui saluta la vita e i suoi affetti più cari con una consapevolezza disarmante e una fede granitica nella sua dolcezza. A rivederci Massimo, spero proprio di sì:
“Cari Dora, Damiano, Margherita, mamma, papà, Tania, Andrea e Margherita, parenti ed amici tutti: essere cosciente che il passaggio dalla vita terrena a quella ….... da un lato porta alcune angosce, ma dall’altro offre alcune opportunità irripetibili. Innanzitutto voglio ringraziare tutti per come mi siete stati vicini in questo periodo, qualsiasi gesto è stato fortemente apprezzato. In particolare Dora; una moglie eccezionale, sono orgoglioso di aver percors ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 01/11/2013 18.29

Dicono che ti ambienti in un nuovo quartiere quando conosci i tuoi vicini. Beh, per ora posso dire di conoscere Poldino, il gatto dell’isolato, e Mollo il gatto dell’isolato successivo. I territori sono ben delimitati. Tutti i gatti alla Garbatella hanno un nome e sentirete la gente pronunciarli con sicurezza, anche se Mollo credo sia una deformazione romana di “Milvio”, infatti Ponte Milvio è chiamato “Ponte Mollo” o forse il gatto si chiama proprio Mollo. Non so ancora come si chiami il gatto della casa al piano rialzato del mio palazzo. La sera lo trovo come una sfinge che mi osserva rientrare dal terrazzo. Io lo chiamo “il gatto del ciclista simpatico”. La casa in cui abita ha un esercito di bici e ci siamo presentati subito perché, appena arrivato, ho occupato con la mia bici una rastrell ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 28/10/2013 9.56

Uffici di un municipio di Roma. Interno giorno. Una funzionaria (con laurea e titoli vari, come scoprirò poi) offre dell’uva alla collega, che esita perché non sa se è lavata.
“Non ti preoccupare, cara, l’ho pulita con l’amuchina”. Rassicurata la collega infila in bocca il primo acino gonfio e plasticoso e mi verrebbe spontaneo bloccarle il braccio, chiamare il 118 per il trattamento sanitario obbligatorio e, invece, niente. Rimango a osservare la scena cercando di non perdere il posto in fila per il certificato. Evidentemente l’educazione alimentare non si insegna e non si apprende in casa se una persona colta pensa sia giusto usare un disinfettante chimico su un frutto. Una cultura dell’igienizzazione forzata, che ha portato alla crescita bestiale di allergie e intolleranze, ... Leggi tutto »

Da Gabriele Salari il 17/10/2013 14.13

Non so chi dà la possibilità oggi a un ventunenne di pubblicare un pezzo in prima pagina su un quotidiano, ai giovani viene dato poco credito in generale e fare il giornalista è – se possibile – più difficile ancora di un tempo. Romeo mi diede questa possibilità 18 anni fa. Ho così collaborato con la pagina scientifica dell’Unità (quella che vendeva oltre 100 mila copie) per tre anni.
Ieri Romeo Bassoli è andato via per colpa di un tumore e mi piace ricordarlo sia come maestro di giornalismo che come uomo. Lo chiamai su consiglio di un noto etologo e lui mi mise subito alla prova. Ricordo che il primo pezzo fu sulle “green belts”, le cinture verdi che circondano le città.
Poi continuai e fu una bella palestra di giornalismo, offerta a un ... Leggi tutto »

Tweet