I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog

Inviato da: Gabriele Salari
23/12/2009 0.00

Oggi incontrerò i figli dei dipendenti di Altran a Roma, per presentare loro il mio libro “Sos Natura – Come difendere il pianeta Terra” (Giunti junior editore). Mi rivolgo a voi dipendenti, perché la vostra è una grande società, e mi sono reso conto partecipando alla conferenza sul clima di Copenhagen che è l'ora che il mondo delle imprese si svegli e faccia la sua parte nella battaglia contro il cambiamento climatico.
E' inutile aspettare i governi nazionali che ci lasciano poi l'amaro in bocca come in quest'ultima occasione. Lo so che Altran ha già contribuito a “Solar Impulse”, un aereo che vola solo con l'energia del sole, per la parte ingegneristica.
Il progetto è partito nel 2003 e ha richiesto intensi lavori, calcoli, simulazioni e una squadra di 70 persone che non si è fermata un attimo. Ne ho scritto su “D La Repubblica delle Donne”. Con l'apertura alare di un Boeing 747-400 e il peso di un'autovettura media, non era mai stato costruito un aereo così grande e così leggero, con oltre 12 mila celle fotovoltaiche.
Altran con il sostegno a questo progetto visionario ha dato un bell'apporto.
Il sole, infatti, è l'energia del futuro se riusciamo a trovare il modo di imbrigliarlo.
Ogni due minuti l'energia che sprigiona, infatti, è pari ai consumi energetici della Terra in un anno.
Io però, in questa mia letterina di Natale, faccio appello a voi dipendenti, non solo perché coinvolgiate i vostri figli regalando loro il libro Sos Natura, ma perché vi facciate parte attiva all'interno dell'azienda affinchè la sostenibilità diventi la vostra stella polare. Con la ricerca in questo campo si possono raggiungere importanti risultati. A Roma un consorzio di aziende sta producendo i primi pannelli solari organici, al mirtillo invece che col silicio. Perché non lavorate anche voi su simili innovazioni? La Terra ha bisogno di Altran. Grazie e tanti auguri di buon Natale e felice 2010!

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  
Tweet