I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog

Inviato da: Gabriele Salari
21/06/2012 13.13

Ho deciso di aderire a un appello ai media, perchè l'informazione ambientale abbia lo spazio e la rilevanza che merita. L’informazione ambientale in Italia soffre di una grave contraddizione. Lo stato di salute del Pianeta, infatti, fa notizia quando il danno è compiuto: come due anni fa, dopo lo sversamento di greggio nel golfo delle Lousiana che evidenziò le molteplici criticità di questa fonte fossile, oppure in coincidenza con le inondazioni che imperversano periodicamente nei cinque continenti provocando vittime e danni enormi. Al di là di questi eventi catastrofici, che si ricavano fatalmente uno spazio nella cronaca, il tema dei cambiamenti climatici, con le alterazioni ormai riscontrabili anche alle nostre latitudini, è sostanzialmente ignorato dalle testate a larga diffusione e dai palinsesti televisivi. Si trasmettono decine, centinaia di dibattiti e di talk show, monopolizzati dai politici di turno, senza dedicare un minuto a temi divenuti ormai urgenti come la perdita di biodiversità, l’adattamento ai nuovi rischi ambientali, le opportunità collegate al rimodellamento della nostra economia nella direzione dell’efficienza. Basta guardarsi indietro di pochi mesi per cogliere a pieno questo paradosso: subito dopo le alluvioni in Lunigiana, alle Cinque Terre e a Genova il tema del dissesto idrogeologico ha ottenuto una larga eco sui media di casa nostra. Adesso però, nella stagione secca, il fenomeno del consumo di suolo, che provoca ogni anno la perdita di circa 500 Kmq di terreno, è scomparso dalle prime pagine dei giornali. Tantomeno si va alla ricerca dei rimedi che le amministrazioni locali stanno attuando (o non attuando) per prevenire le conseguenze che le piogge del prossimo autunno provocheranno al nostro fragile territorio e alle comunità che vi abitano.
Leggi l'appello integrale.

 

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  
Tweet