I miei libri
Cerca nel blog
Links
Blog
Blog

Inviato da: Gabriele Salari
23/01/2013 15.53

Quando è stato eletto Obama per la prima volta ero a Washington e ricordo di aver girato tutta la capitale in bicicletta, visitato il Campidoglio e visto il vento che cambiava.
Le questioni energetiche sono vitali e strategiche per ogni nazione seria e il clima è la principale emergenza planetaria. Obama ora nel suo discorso di insediamento che qui voglio riportare, lo ribadisce chiaramente. Ascoltiamo le sue parole:
“Noi, il popolo, crediamo ancora che i nostri doveri come americani non siano solo nei confronti di noi stessi, ma di tutta la posterità. Daremo una risposta alla minaccia dei cambiamenti climatici, consapevoli che se non lo facessimo tradiremmo i nostri figli e le generazioni future. C’è chi ancora nega lo schiacciante giudizio della scienza, ma nessuno può evitare il devastante impatto di violenti incendi, della siccità soffocante e delle ancor più potenti tempeste. La strada verso l'affermazione delle fonti energetiche sostenibili sarà lunga e talvolta ardua. Ma l’America non può resistere a questa transizione; piuttosto dobbiamo guidarla. Non possiamo cedere ad altre nazioni la tecnologia che garantirà nuovi posti di lavoro e nuove industrie - dobbiamo mantenere questo impegno. Ecco come conserveremo la nostra vitalità economica e i nostri tesori nazionali - le nostre foreste e vie fluviali; i nostri raccolti e i picchi innevati. Ecco come preserveremo il nostro pianeta, affidato da Dio alla nostra cura. Ecco ciò che darà senso al credo che i nostri padri pronunciarono un tempo”.

Tags:

Nome:
Titolo:
Commento:
Aggiungi Commento    Annulla  
Tweet